news

news

Scopri i recenti aggiornamenti e approfondimenti legislativi in ambito sicurezza sul lavoro, formazione, igiene alimentare e prevenzione incendi.

Tieniti aggiornato sulle ultime novità e sui nostri servizi.

NEWS SETTIMANALI

La pubblicazione del D.P.R 6 agosto 2019 n.121 completa il pacchetto di provvedimenti di adeguamento alla regolamentazione nazionale alle disposizioni comunitarie sugli apparecchi a gas (identificato con l’acronimo Gar: Gas appliances regulation), insieme alla legge n.1083 del 1971, modificata dal D.lgs n.23 del 21 febbraio 2019.

Proprio quest’ultimo con l’Art. 2 introduce delle novità rispetto alla legge del 1971, riguardo le sanzioni: nel dettaglio viene revocato il reato penale mentre permane e viene adeguata alle varie anomalie e soggetti responsabili, la sanzione amministrativa:

Le cose nuove mettono sempre gioia e fanno guardare al futuro con ottimismo: sono proprio queste le sensazioni che noi stiamo vivendo, nel presentare il nostro nuovo sito www.lomag.it.
Studio Lomag si presenta al pubblico con una veste grafica totalmente rinnovata: un nuovo sito web fresco e una navigazione più intuitiva, con una presentazione chiara dei molteplici servizi che siamo in grado di offrire ai nostri clienti.

Il restyling grafico e strutturale è stato pensato per rendere più efficace e immediata la comunicazione dei servizi offerti e una più facile navigazione da parte dell’utente.
Abbiamo dato spazio anche ai nostri profili social – Facebook e LinkedIn – e alla possibilità di condividere i contenuti web con altri utenti.

A questo punto non ci resta che augurarvi
Buona navigazione!

Per piano di emergenza si intende un prospetto di regole che stabiliscono le azioni ed i comportamenti da mettere in atto nel caso si concretizzi un rischio in una situazione di emergenza. La finalità del piano di emergenza (clicca qui per approfondire) ed evacuazione è di assicurare che, in caso di emergenza, il personale addetto e presente sia in grado di pianificare, coordinare ed eseguire tutte le operazioni da compiere.
La procedura di emergenza ha lo scopo di descrivere le operazioni necessarie da eseguire in caso di incendio e/o evacuazione generale del condominio, da parte delle persone occupanti lo stabile.


Scarica il modulo QUI

In un mondo che si muove sempre più di corsa, spesso ci si dimentica dei bisogni primari. Tra questi c’è la sicurezza.

Ma cosa significa essere sicuri?

La sicurezza sul lavoro non è esclusivamente un obbligo prevenzionistico, basato sull’adozione minuziosa di norme, adempimenti e leggi. Sviluppare una cultura della sicurezza, a livello aziendale, costituisce uno strumento prezioso per attribuire all’impresa un valore aggiunto. Gli effetti positivi che ne derivano sono numerosi. Oltre a salvaguardare le condizioni di salute dei lavoratori, significa mettere in atto tutti i procedimenti per evitare infortuni, incidenti e malattie professionali, riducendo così il rischio di incorrere in interruzioni dell’attività produttiva.

Le imprese che si dimostrano propense a diffondere la cultura della sicurezza sul lavoro aprono la strada a valori essenziali nel processo aziendale quali la condivisione, lo sviluppo efficace delle relazioni interne e lo stesso miglioramento nei comportamenti dei dipendenti. Operare in un ambiente integro e sicuro migliora, infatti, il benessere psicologico dei lavoratori e ne accresce la vitalità, con influssi positivi sulla produttività aziendale. Inoltre, a beneficiarne è l’immagine esterna dell’impresa, che ne risulta più competitiva.

Un’azienda sicura crea, infine, valore per la comunità. Il costo degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali grava non solo sulle singole imprese, ma anche sull’economia nazionale, si calcola che in Italia il danno economico legato agli infortuni e patologie professionali superi il 3% del PIL. Un danno che potrebbe essere annullato o perlomeno significativamente limitato, grazie a una diffusione sempre più capillare della cultura della sicurezza sul lavoro.

Il D. Lgs. 81/08 definisce i Dispositivi di Protezione Individuale come “qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo” (Art. 74). In riferimento alla definizione espressa dalla normativa, i D.P.I. devono possedere dei requisiti di carattere generale:

• Essere adeguati ai rischi professionali e alle caratteristiche dell’attività lavorativa e del luogo di lavoro (definita come adeguatezza intrinseca);
• Rispettare le esigenze ergonomiche, poiché la protezione di una parte del corpo non deve implicare un aumento dello sforzo psicofisico del lavoratore;
• Assicurare l’adattabilità individuale al singolo utilizzatore, garantendo la protezione in relazione alle caratteristiche personali di ogni lavoratore, tenendo conto ad esempio di eventuali malformazioni o disfunzioni fisiche.